RESPIRA

COME IN ALTA MONTAGNA

Non tutti sanno che l’inquinamento dentro casa è spesso maggiore di quello esterno. L’aria che respiriamo negli ambienti chiusi, infatti, presenta molte volte una concentrazione di inquinamento fino a 5 volte superiore rispetto all’esterno.

Gli agenti inquinanti come monossido di carbonio, idrocarburi e particolato fine sono in grado di penetrare negli ambienti domestici anche tramite gli infissi ed i serramenti.

Il particolato fine (particulate matter o PM) è la principale sostanza inquinante che influisce seriamente sulla salute umana. Penetra nei polmoni danneggiando la parete alveolare e, di conseguenza, le funzioni respiratorie.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha determinato che l’esposizione a PM10 e PM2.5 ha gravi conseguenze e produce sintomi quali: respiro sibilante, tosse, infezioni respiratorie, irritazione di occhi, naso e gola, mal di testa, vertigini, eruzioni cutanee, dolori muscolari e affaticamento, alterazioni croniche delle funzioni fisiologiche.

I fattori che aumentano ulteriormente l’inquinamento dentro le mura domestiche sono: la presenza di agenti chimici derivanti da deodoranti o detersivi, muffe e spore o pollini che si depositano in casa, virus e batteri presenti nelle tappezzerie, nelle tende e portati in casa al nostro rientro e anche dagli animali domestici.

Le conseguenze dirette scarsa qualità dell’aria negli ambienti chiusi possono essere: sensazione di secchezza alle alte vie respiratorie, l’insorgere e l’aggravarsi di asma, rinite allergica, prurito a occhi e gola.

Sapevi che l’inquinamento dentro casa
provoca il 90% dei casi d’asma nei bambini
è responsabile del 2.7% del carico globale di malattia nel mondo
ha effetti sub clinici a carico del sistema nervoso centrale e periferico
è responsabile di malattie croniche e respiratorie
è causa di insorgenza di asma e allergie e del loro aggravamento
contribuisce ad aumentare l’insorgenza di tumori nella popolazione
è responsabile della sindrome da sensibilità chimica multipla (MCS)
contribuisce all’insorgenza di problemi cardiocircolatori

Gli organismi internazionali per la sanità pubblica invitano, pertanto, a tutelare e promuovere la salute negli ambienti confinati, favorendo tutte le azioni finalizzate ad ottenere una buona qualità dell’aria respirata.

COME POSSO MIGLIORARE LA QUALITÀ DELL’ARIA IN CASA?

RedoxAir Plus è un sistema completo per la salubrità attiva dell’aria, studiato appositamente per rendere l’ambiente domestico il più salutare possibile, grazie alle funzioni di ultima generazione che neutralizzano i batteri, i germi e i virus e trattengono il particolato fine.

Tecnologia certificata e brevettata

Utilizzabile h24 anche in presenza di persone ed animali domestici

Tripla azione: ionizzante, fotocatalitica e ozonizzante

Elimina virus e batteri

Attivo su particolato fine PM10 e PM2.5 fino a 0,001 micron

Anti-acaro e anti-asma

Design minimale che si adatta a qualsiasi ambiente

Amovibile o installabile a parete con le staffe in dotazione

TRIPLA AZIONE PER UN’ARIA VERAMENTE PULITA

Ionizzazione

La ionizzazione dell’aria è un fenomeno naturale determinato da processi come le radiazioni solari, i fulmini o l’infrangersi delle acque. Questi fenomeni agiscono sulle molecole d’aria rilasciando i cosiddetti ioni negativi. Per questo motivo in spiaggia o vicino a una cascata l’aria è ben ‘ionizzata’, cioè carica di ioni negativi che facilitano l’assorbimento di ossigeno nel sangue e garantiscono la salubrità dell’aria, il comfort fisico e respiratorio.

Negli ambienti dove trascorriamo la maggior parte del tempo, cioè negli ambienti chiusi, il numero degli ioni negativi è bassissimo per via dell’inquinamento atmosferico, dei materiali utilizzati, degli apparecchi elettronici creano uno squilibrio che ostacola l’assorbimento di ossigeno da parte dell’organismo, con pesanti conseguenze sulla salute delle persone.

Lo ionizzatore integrato del RedoxAir Plus immette nell’ambiente ioni negativi, riequilibrandone il livello nelle quantità che normalmente si riscontrano negli ambienti non inquinati – attraverso un processo del tutto naturale che non presenta controindicazioni – aiutando così a respirare meglio e migliorando l’assorbimento dell’ossigeno.

La letteratura scientifica, ricca in materia, indica che il riequilibrio degli ioni negativi induce numerosi effetti positivi sulla salute umana: vengono ridotti gli inquinanti presenti, i batteri, le spore che generano le muffe, i virus, i germi, i parassiti, i pollini, purificando l’aria ed eliminando contestualmente gli odori e le polveri sottili sospese nell’aria.

Fotocatalisi

Il RedoxAir Plus è dotato di una lampada che emette luce UV-C (raggi ultravioletti germicidi), che uccide organismi semplici come i batteri ma non è pericolosa per l’essere umano. Le radiazioni UV-C alterano la struttura dei legami molecolari di virus, spore, funghi e batteri.  

La lampada UV-C ossida le tossine e le rende innocue poiché disgrega il loro DNA e le rende incapaci di riprodursi. Anche la luce UV-C è un processo naturale che non emette agenti chimici nell’aria, quindi del tutto sano e pulito e consente la disinfezione delle superifici anche in presenza di persone perche’ innocuo per uomini e animali domestici

Il processo foto-catalitico riproduce ciò che avviene in natura ossia una reazione fotochimica, che permette di distruggere sostanze inquinanti, in particolare, batteri, virus, muffe, allergeni ed odori con un principio naturale attivo.

Ozonizzazione

L’ozono (O3) è un gas instabile comprendente tre atomi di ossigeno. È instabile perché il gas si degrada rapidamente al suo stato stabile, ossigeno diatomico (O2) con la formazione di atomi di ossigeno libero o radicali liberi.
Gli atomi di ossigeno liberi o i radicali sono altamente reattivi e ossidano quasi tutto (compresi virus, batteri, composti organici e inorganici) nei contatti, rendendo l’ozono un disinfettante e ossidante estremamente potente.

In effetti, l’ozono è un ossidante molto più forte di altri comuni disinfettanti come cloro e ipoclorito. L’uso di cloro o ipoclorito in molti paesi è stato significativamente ridotto a causa della possibilità di formazione di sottoprodotti cancerogeni come i trialometani (THM) durante il processo di disinfezione.

Al contrario, la disinfezione con ozono non produce residui dannosi pertanto successivamente l’ozono residuo verrà riconvertito in ossigeno in breve tempo.

L’ozono è quindi considerato un disinfettante ecologico.